Unum quodque verbum statera auraria pendere

Anche se il latino non va più di moda, mi pare più che opportuna ed attuale questa espressione che letteralmente ci indica che occorre soppesare ogni parola con il bilancino dell’orafo. Se questa espressione ha validità quando si parla di politica, a maggior ragione ce l’ha quando la politica parla di fiscalità: ovvio il riferimento al recente esito favorevole e di misura della riforma fiscale-sociale. Se la componente sociale ha contribuito a sostenere lo sgravio fiscale, le prossime modifiche in materia tributaria dovranno forzatamente riguardare il ceto medio, l’unica categoria di contribuenti che negli ultimi anni è stata sistematicamente tartassata. La politica faccia dunque attenzione a quello che promette e che intende fare.

Marco Passalia, Vice Presidente PPD Ticino
pubblicato su Popolo e libertà, maggio 2018